La penna del diplomatico

Libri fotografici sulle Rappresentanze diplomatiche
italiane all'estero

 


Non sono numerosi i libri che sono stati pubblicati sulle residenze degli Ambasciatori o altri Palazzi di rilievo all'estero di proprietà dello Stato italiano utilizzati per ospitare le nostre Missioni diplomatiche.

Nella maggior parte dei casi si tratta di libri corredati da numerose fotografie e con un testo - talvolta bilingue - soprattutto dedicato alla storia degli edifici. In molti casi si tratta di libri stampati con tirature abbastanza limitate in edizioni fuori commercio e quindi difficilmente reperibili.  Più raramente si tratta di libri stampati da case editrici specializzate in libri di arte, ma anche in questo caso la reperibilità è limitata, anche a pochi anni dalla loro pubblicazione.

In diverse occasioni è stato sottolineato come le Missioni Diplomatiche rappresentino una sintesi simbolica fra il Paese che viene rappresentato ed il Paese ospitante. Il loro significato trascende quindi il valore degli edifici in cui sono dislocate (che in molti casi è comunque notevole) e costituiscono un tangibile segno dei rapporti bilaterali esistenti, della loro storia e della loro solidità.

Le Residenze, sopratutto quando demaniali, rappresentano uno strumento di lavoro di primaria importanza e sono uno strumento straordinario per il collegamento con la realtà locale nella quale operano i diversi Ambasciatori. Esse costituiscono spesso il miglior luogo non solo per gli incontri bilaterali ufficiali, ma anche per quelle attività di promozione dell'Italia a beneficio di tutte le componenti del nostro Paese.

Numerosi volumi singoli sono stati curati da diplomatici e pubblicati nel periodo della loro permanenza nella sede. Qui di seguito i volumi finora rintracciati sono brevemente descritti in ordine alfabetico di sede. In alcuni casi in cui è disponibile la versione digitale parziale o completa del libro che può essere scaricata e consultata.

"Le Ambasciate d'Italia nel Mondo", una collana di otto volumi pubblicati tra il 1969 ed il 1989 da Mariapia Fanfani, anche se ormai datata, continua ad essere la raccolta più completa di questo genere di libri.

***

LIBRI AMBASCIATE - AMBASCIATE NEL MONDO - MINISTERO

ALGERI

Cantini AmbasciataGiampaolo Cantini, L'Ambasciata d'Italia ad Algeri (2011, pp.102) è dedicato a Villa Hesperia, sede dell'Ambasciata d'Italia ad Algeri che si trova nel cuore del quartiere El Biar. Il libro contiere diversi contributi dedicati alla storia della Villa, alle sue caratteristiche architettoniche e agli arredi, al Teatro, al parco e al giradino. Il volume, arricchito da numerose fotografie, è trilingue (italiano, francese e arabo).

Scarica il libro

 

ANKARA

Vittorio Graziano, Ambasciate d’Italia in Turchia, (Mediterraneum, Catania, 1994, pp. 112).

Le residenze degli Ambasciatori d'Italia in Turchia - Palazzo di Venezia, Villa Tarabya e Casa d'Italia ad Istanbul e la più recente Ambasciata d'Italia in Ankara — sono edifici particolarmente prestigiosi nell'ambito della rete diplomatico - consolare italiana. Le foto di Vittorio Graziano, assieme ai testi introduttivi delle singole sezioni, valorizzano un così importante patrimonio artistico, storico e politico. La presentazione è di Luigi Fontana Giusti.

 

BELGRADO

Antonio Zanardi Landi, L’Ambasciata d’Italia a Belgrado e gli edifici italiani in Serbia e Montenegro (Casa editrice Draganic, Belgrado, 2005, pp. 113). Il volume è soprattutto dedicato all'edificio che ospita l'Ambasciata d'Italia che si trova in Bircaninova Ulica, 9, costruita tra il 1924 ed il 1926. Il palazzo presenta un'architettura eclettica, con reminiscenza rinascimentali, manieristiche e persino barocche. Nel libro vengono anche descritti brevemente altri edifici italiani che si trovano in Serbia e Montenegro quali il Palazzo d'Italia e la Legazione d'Italia a Cetinje.

Manzo_BelgradoGiuseppe Manzo e Davide Scalmani, Ambasciata d’Italia a Belgrado. La regina delle Ambasciate (Tipografia Gama, Belgrado, 2016, pp. 73). E' un libro fotografico che celebra i novanta anni dalla costruzione dell'edificio (1926 - 2016), proponendosi di valorizzare la storia dei rapporti tra i due Paesi, attraverso l'illustrazione di un luogo e della sua vita, della relazione tra valori simbolici e attività funzionali dentro e fuori dell'edificio che ha segnato  la presenza italiana in Serbia.

Scarica il libro

 

BERLINO

Silvio Fagiolo, L'Ambasciata d'Italia a Berlino (Nicolai, Berlin, 2005, pp. 96), dedicato alla nuova sede dell'Ambasciata inaugurata nel 2003. Proprio quest’ultimo riassume bene il significato alcuni di questi edifici possono avere: “Le Ambasciate sono spazi che riassumono talvolta suggestivi e drammatici percorsi umani e politici nelle relazione tra popoli e paesi”.

 

 

Ambasciata BerlinoGaetano Cortese è autore del volume Il Palazzo sul Tiergarten - L' Ambasciata d'Italia a Berlino (Servizi Tipografici Carlo Colombo, Roma, 2017, pp. 528 - versione in italiano - Das Palais am Tiergarten. Die Itelienische Botschaft in Berlin - versione in tedesco), sull’Ambasciata d’Italia a Berlino, tra le sedi diplomatiche italiane di maggior prestigio, sia per interesse storico dell’edificio che per ricchezza dell’arredo interno che comprendono la collezione di arazzi Manifattura di Bruxelles e Manifattura di Beauvais, i dipinti provenienti dalla Galleria Nazionale d'Arte antica di Palazzo Barberini di Roma e tanti altri capolavori di grande pregio.

 

icon Scarica il libro (Parte iniziale versione italiana) 

icon Copertina del libro (versione italiana) 

icon Scarica il libro (Parte iniziale versione tedesca) 

icon Copertina del libro (versione tedesco) 

 

 

BRASILIA

Sergio Poretti, Tullia Iori, Pierluigi Nervi. L'Ambasciata d'Italia a Brasilia, Mondadori Electa, Milano, 2008, pp. 144.

Il volume, realizzato su invito di Michele Valensise, ripercorre la storia della costruzione dell'ambasciata italiana a Brasilia: un'opera inedita e di notevole impatto del grande architetto italiano Nervi. Dalle prime idee progettuali ai disegni esecutivi, dalle foto di cantiere all'edificio completato, un ricco apparato iconografico documenta il volume che ripercorre le vicende che hanno portato alla realizzazione dell'ambasciata.

Ambasciata d'Italia in Brasile: il menu della diplomazia italiana - Embaixada da Itália no Brasil: o cardápio da diplomacia italiana, DBA Artes Gráficas, São Paulo, 2007. Edizione bilingue italiano/protoghese.

La pubblicazione rappresenta una sintesi fra gastronomia, architettura e attività diplomatica attraverso una serie di brevi interventi e numerose fotografie. Come indicato nel contributo di Elena Di Giovanni Valensise "il libro non vuole ergersi a "manuale del buon gusto", ma si propone di narrare come in un'importante residenza italiana all'estero, che ha la funzione di rappresentare il nostro Paese, si cerchi i conquistare l'ospite con richiami ai sapori della nostra gastronomia e con una buona atmosfera."

Contemporaneo, moderno e oltre. Quattrocento anni di pittura europea. La collezione d'arte dell'Ambasciata d'Italia a Brasilia (Ambasciata d'Italia a Brasilia, 2008, pp.91), "è il primo catalogo che illustra la collezione d'arte dell'Ambasciata d'Italia in Brasile nella sua interezza, realizzato anche per celebrare il recupero di alcuni dipinti antichi". La combinazione di contemporaneo e antico riflette la storia di questa Ambasciata, fino agli anni '70 ospitata in una splendida villa a Rio de Janeiro e oggi con sede a Brasilia in uno dei più bei monumenti moderni della città, realizzato dal grande maestro italiano Pier Luigi Nervi" (dalla prefazione di Elena Di Giovanni Valensise). Le due sezioni del volume sono dedicate alla collezione di arte contemporanea (testo di Giorgio Guglielmino) e alle collezioni di dipinti dal XVII all'inizio del XX secolo (testo di Karin Weber).

 

BRUXELLES

Gaetano Cortese, L'Ambasciata d'Italia a Bruxelles, (Carlo Colombo Spa, Roma, 2000, pp.93) disponibile sia in versione italiana che francese. Nel libro sono raccolte la storia e le vicende principali - anche umane e diplomatiche - del Palazzo di Avenue Legrand, residenza degli Ambasciatori d'Italia presso il Re dei Belgi.

 

 

Libro in italiano

Libro in francese

Copertina in italiano

Copertina in francese 

Ugo Colombo Sacco di Albiano, con il suo Oltre 150 anni di amicizia italo-belga attraverso luoghi e protagonisti della diplomazia bilaterale (Stabilimenti Tipografici Carlo Colombo, Roma, 2014, pp. 450), presenta un itinerario che rievoca vicende, personaggi, atmosfere e funzioni dei Palazzi che hanno fatto da cornice scenografica e culturale ai messaggi scaturiti dai rapporti diplomatici belgo-italiani. Fra questi anche il Palazzo Caraman-Chimay, sede dell’Ambasciata d’Italia a Bruxelles.

Scarica il libro

Copertina del libro

 

Giovanni Donato, su incarico di Alfredo Bastianelli, ha curato il volume Diplomazia economica e residenze storiche: l'Ambasciata d'Italia a Bruxelles (2015, pp. 70), illustra le iniziative ospitate in residenza tra il 2012 ed il 2015 volte a valorizzare il ruolo dell'Ambasciata nella sua missione di diplomazia economica. Due importanti sezioni del libro sono dedicate rispettivamente all'"Hotel de Chimay" nella storia e nell'architettura e agli interventi di tutela e di valorizzazione dell'edificio che sono stati recentemente realizzati.

 

Scarica il libro

 

BUCAREST

Stefano Ronca, L’Ambasciata d’Italia a Bucarest (Effective srl, Bucarest, 2005, pp.75). Anche in questo libro il curatore fornisce un’interessante descrizione delle residenze diplomatiche: "Per il diplomatico la casa riveste un’importanza maggiore di quella che può avere per esponenti di altre professioni. Dalla residenza di un ambasciatore ci si attende che essa rifletta il carattere, il gusto, la cultura, l’ospitalità ed il calore del paese che rappresenta."

Scarica il libro

 

BUENOS AIRES

Stefano Ronca, La residenza dell’Ambasciata d’Italia a Buenos Aires (Buenos Aires, 2009, pp.61). L’edificio che attualmente ospita l’Ambasciata d’Italia a Buenos Aires risale ai primi anni Venti del secolo scorso. Di stile squisitamente francese, è situato nel quartiere residenziale di Palermo, uno dei più eleganti di Buenos Aires. L’arredamento dell’Ambasciata e della Residenza, nonché alcune sculture esterne, fu inviato dall’Italia nel 1924, per adeguare la nuova Rappresentanza diplomatica alla visita del Principe Umberto di Savoia.

Scarica il libro

 

 

COPENAGHEN


Chris Fischer - Hanne Raabyemagle, L'Ambasciata d'Italia a Copenaghen / Den Italienske Ambassade i Kobenhavn, Ambasciata d'Italia a Copenaghen, Copenaghen, 2007, pp. 128. Bilingue italiano / danese.

I due autori, storici dell'arte, ricostruiscono la storia dell'edificio che dal 1924 è la residenza degli Ambasciatori d'Italia. L'edificio sorge di fronte alla famosa piazza ottagonale di Amalienborg, sede della Reggia della Casa Reale danese. Il Palazzo contiene oggetti di grande valore quali i numerosi specchi veneziani del '700, le boiseries francesi dello stesso secolo, oltre a numerosi quadri del '600 - '700, a cui si aggiungono alcuni pregevoli mobili d'epoca.

 

DAR ES SALAAM

Pasquale Baldocci, La Residenza dell'Ambasciatore d'Italia in Tanzania, (Editore Guerra, Perugia, 1993, pp. 50) bilingue italiano/inglese.

La Residenza dell'Ambasciatore d'Italia in Dar es Salaam fu costruita dal 1950 al 1952 da Amirali Yusufali Karimjee, Ministro per l'Industria e il Commercio del Tanganyka e fu acquistata dal governo italiano nel 1963. La villa fu progettata dall'architetto Hastings, con la collaborazione dello stesso Karimjee che aveva visitato la Spagna e raccolto numerose fotografie di edifici storici.

Scarica il libro 

 

DAKAR

Art à ker Italia, Edizioni Clear, Roma, 1991, pp. 34 è un catalogo delle opere d'arte presenti nell'Ambasciata d'Italia a Dakar e contiene anche una serie di foto sull'edificio che ospita sia la Residenza che la Cancelleria. Nell'introduzione al volumetto in lingua francese, Maurizio Moreno sottolinea come l'edificio, realizzato alla fine degli anni '60 nel pieno centro di Dakar, è uan costruzione moderna privilegia la funzionalità, senza sacrificare le esigenze di rappresentanza di una Missione diplomatica.

 

Scarica la pubblicazione

 

HELSINKI

La Residenza d'Italia in Finlandia. 100 anni di storia / Italian Residenssi Suomessa. 100 vuotta historiaa, Ambasciata d'Italia Hesinki/Istituto Italiano di Cultura Helsinki, 2015, pp. 153. Edizione Bilingue italiano/finlandese e edizione bilingue italiano/svedese.

Il volume, coordinato da Giorgio Visetti, ripercorre i cento danni della Villa Hjelt che dal 1925 è la residenza dell'Ambasciatore d'Italia in Finlandia. Il libro illustra attraverso articoli, fotografie e documenti storici, non solo le caratteristiche architettoniche, ma anche le vicende ed i personaggi che ne hanno segnato la vita. Alla vigilia del primo centenario dell'indipendenza della Finlandia (2017). la pubblicazione vuole anche essere un omaggio dell'Italia alle relazioni bilaterali fra i due Paesi.

Scarica il libro

 

ISTANBUL

Maria Pia Pedani (a cura di), Il Palazzo di Venezia ed i suoi antichi abitanti, Edizioni Ca' Foscari, Venezia, 2013, pp. 125. Edizione Bilingue italiano/turco.

Il volume vede la luce ottant’anni dopo la pubblicazione dell’opera del diplomatico Tommaso Bertelè dal titolo "Il palazzo degli ambasciatori di Venezia a Costantinopoli e le sue antiche memorie". L’intento della curatrice non è ripercorrere un sentiero già segnato, bensì offrire nuove interpretazioni e notizie sulla base dei documenti disponibili. Il tema è ancora una volta la casa bailaggia e i personaggi che vi abitarono, o che gravitarono attorno alla legazione, le loro vite, i lavori che svolsero, i loro orientamenti culturali e le loro storie.

Scarica il libro.

 

Alessandra Biasi, Villa Tarabya : nella prospettiva europea della Turchia, Istituto italiano di cultura, Ankara, 1995, pp. 113.

La ex residenza estiva degli ambasciatori d'Italia in Turchia è situata a Therapia sul Bosforo e realizzata nel 1905 su un lotto derivato dalla demolizione della preesistente sede dell'Ambasciata d'italia. Essa costituisce una delle più felici realizzazioni dell'architetto di Gemona Raimondo D'Aronco e si pone in un momento particolarmente significativo della sua pluriennale esperienza turca.

 

 

L'AIA

Gaetano Cortese, è l'autore del libro L'Ambasciata d'Italia a L'Aia (1907-2007) - (L’Ambasciata d’Italia a l’Aia, Stabilimenti Tipografici Carlo Colombo, Roma, 2009. pp. 255 - versione in italiano) De Ambassade van Italië in Den Haag - versione in olandese) - dedicato allo storico palazzo che ospita la Residenza dell'Ambasciatore d'Italia a L'Aia. Il libro, pubblicato sia in italiano che in olandese, descrive la storia ed i principali avvenimenti legati alla residenza negli ultimi cento anni.

Copertina del libro (versione italiana) 

Copertina del libro (versione olandese) 

Scarica il libro (Parte iniziale versione italiana) 

Scarica il libro (Parte iniziale versione olandese)

Cortese Sophialaan

Gaetano Cortese ha anche pubblicato, in versione italiana e olandese, Il Palazzo di Sophialaan (Stabilimenti Tipografici Carlo Colombo, Roma, 2009. pp. 273) sulla sede dell'Ambasciata e poi della Residenza italiana dal 1907. Il Palazzo è classificato tra i beni immobili architettonici di prestigio della città de L'Aia e come tale soggetto a particolari vincoli di restauro e di tutela.

 

 

Scarica il libro (Parte iniziale versione italiana) 

Scarica il libro (Parte iniziale versione olandese)

Copertina del libro (versione italiana) 

Copertina del libro (versione olandese) 

 

LA PAZ

Villa eden copertinaVilla Edén, Italia a La Paz (Gráfica Industrial SPC, La Paz, 2016, pp. 184), edizione bilingue in italiano e spagnolo, è il volume curato da Placido Vigo dedicato alla residenza dell'Ambasciatore d'Italia in Bolivia. Si tatta di un edificio che ha oltre 100 anni che è stato dichiarato dalle autorità boliviane "Patrimonio Storico, Architettonico ed Urbano". Nella pubblicazione sono contenute oltre 230 immagini antiche e di oggi che illustrano non solo l'edificio ed il suo splendido giordino, ma anche la vita quotidiano all'interno della residenza. L'accurata ricerca storica che è stata condotta ha permesso di ricotruire tutte gli avvenimenti che hanno portato all'acquisto della villa da parte delle Autorità italiane nel 1973.

Scarica il libro (in versione PDF) 

icon epub Scarica il libro (in versione Epub) 

LISBONA

Michele Cosentino, L'Ambasciata d’Italia a Lisbona (Carlo Colombo Spa, Roma, 2004, pp. 64), pubblicato in italiano ed in portoghese. Il Pallazzo dei Conti di Pombeiro ospita l'Ambasciata d'Italia dal 1925. Si tratta di un Palazzo costruito a prtire dal 1709. L'edificio subì danni molto importanti in seguito al terremoto del 1755 e fu quasi interamente ricostruito a partire dalla fine del '700. Oltre a mobili , ornamenti e dipinti antichi, il Palazzo è caratterizzato da tre serie di "azulejos" di grande pregio.

 

LONDRA


Ambasciata LondraL'Ambasciata d’Italia a Londra (Grafimex, Padova, 1989, pp. 69), pubblicato in italiano ed in inglese, curato da Boris Bianchieri sulla storia e sulle opere d'arte della nostra Ambasciata al n. 4 di Grosvenor Square. Il volume è una versione aggiornata ed arricchita di molte riproduzioni fotografiche di un volume realizzato in inglese nel 1974 e voluto da Raimondo Manzini (The Italian Embassy in London, Istituto Grafico Tiberino, 1974, pp. 84). Come sottolinea Biancheri nella sua introduzione "Per le opere d'arte che contiene e per i suoi arredi, ho sempre considerato questa casa come un bell'esempio del gusto italiano. Sarei lieto se questo libro potesse dare al lettore almeno una parte del piacere che provo quotidianamente nel viverci".

 

Nel 2003 è stato curato da Luigi Amaduzzi un nuovo libro, sull'Ambasciata, in versione italiana ed inglese, (L'Ambasciata d'Italia a Londra, Stabilimenti Tipografici Carlo Colombo S.p.A., Roma, 2003. pp.75). Nell'introduzione il curatore sottolinea che si tratta "di una delle più belle fra le nostre Rappresentane Diplomatiche, un biglietto da visita del nostro Paese, e uno strumento prezioso per il lavoro del Capo Missione."

Copertina del libro (versione italiana) 

Copertina del libro (versione inglese) 

 

Londra TerraccianoMario Tavella, Maria Sancho-Arroyo Puliti (a cura di), The Italian Embassy in London (Umberto Allemandi Editore, Torino, 2017, pp. 171). Volume ideato dall’Ambasciatore Pasquale Terracciano e da sua moglie Karen Lawrence Terracciano, ricco di contenuti testuali e fotografici che si distingue per un'approfondita analisi della collezione d’arte, frutto di un’attenta e rigorosa ricerca storico-artistica delle principali opere, a cura di numerosi esperti Sotheby’s guidati da Mario Tavella, Chairman Europe della celebre casa d’aste e Maria Sancho-Arroyo Puliti, Director at Sotheby’s.

 

 

MADRID

Amedeo de Franchis, L'Ambasciata d’Italia in Spagna, (FranAmbasciata Madridco Maria Ricci editore, Bologna, 2005, pp. 130). Il libro, ricco di fotografie, contiene testi, bilingue italiano e spagnolo, dello stesso Amedeo de Franchis, di Gabriele Finaldi e di Delfìn Rodrìguez. La sede dell’Ambasciata d’Italia a Madrid è il Palazzo dei Marchesi di Amboage, costruito da Joaquìn Rojì agli inizi del 1900. Il volume contiene una sezione, scritta da Amedeo de Franchis, dedicata alla visita guidata ai saloni della Residenza dell’Ambasciata con una dettagliata descrizione degli ambienti dell’edificio. Un’altra sezione, ampiamente illustrata, è dedicate alla collezione dei dipinti, soprattutto costituito da quadric del Seicento e del Settecento, che decorano le sale della Residenza.

 

MALTA


Andrea Diacono - Francesco Ferramosca, Villa "Bel Air". La residenza dell'Ambasciatore d'Italia a Malta, Midseabooks, Valletta, 2014, pp. 56. Bilingue italiano / inglese.

La residenza dell'Ambasciatore d'Italia a Malta, "Villa Bel Air, si trova a Ta' Xbiex, cittadina situata nelle parte nordorientale di Malta, non lontana dalla capitale La Valletta. La villa si trova in una posizione unica dalla quale si può godere di una vista spettacolare su La Valletta.
Il volume, pubblicato nel cinquantesimo anniversario delle relazioni italo-maltesi, oltre a ricostruire la storia dell'edificio, contiene numerosi testi che ripercorrono le tappe delle relazioni bilaterali ed è stato realizzato dall'Amb. Giamberto De Vito, riprendendo ed aggiornando una precedente edizione voluta dall'Amb. Luigi Marras.

Scarica il libro

Copertina del libro

 

MONTEVIDEO

Massimo Andrea Leggeri, l'Ambasciata d'Italia a Montevideo, 2013 (ed. Mastergraf, pp 96) testo italiano e spagnolo.

La bella villa a Calle Ellauri è un magnifico esempio di architettura in stile francese, che dal 1926 è stata scenario di incontri ed eventi che hanno punteggiato le relazioni tra Italia e Uruguay. Il volume è nato per valorizzare il senso di questa testimonianza, in occasione del centenario del completamento dell ' edificio, con il contributo di storici dell' architettura e fotografi di chiarissima fama.

 

 

MOSCA

Italian embassy in Moscow Ferdinando Salleo, L'Ambasciata d'Italia a Mosca, 1992 (Hyde Park Books, London, 1992, p.85) disponibile sia in versione italiana che inglese.

 

Zanardi Villa BergIl libro è stato riedito in italiano e russo, in una versione completamente rivista ed ampliata nel 2012 con il titolo L'Ambasciata d'Italia a Mosca. Villa Berg (Umberto Allemandi & C., Torino, 2012,pp. 160). Il volume contiene testi di Daria Borghese, Viktor Gajduk, Aleksandr Kudrjavtsev, Giorgio Petracchi, Ferdinando Salleo, Dmitrij Shvidkovskij. Come evidenzia Antonio Zanardi Landi nell'introduzione alla nuova edizione, riferendosi a Villa Berg, "E' questa, una casa in cui si è cercato di sottolineare la ricerca dell'armonia, della bellezza e dell'eleganza, aspetti che ancora oggi contraddistinguono, in tanti ambiti, la presenza italiana nella Federazione Russa."

Scarica il libro (in versione PDF) 

 

NATO (Bruxelles)

Residenza "Manlio Brosio" (Tipografia S. Caboni, Bruxelles, 2004, pp. 16) è il volumetto realizzato da Maurizio Moreno relativo alla Residenza del Rappresentante Permanente d'Italia presso il Consiglio Atlantico che fu acquistata dal Governo italiano nel 1974 a seguito del trasferimento da Parigi a Bruxelles del Quartier Generale dell'Alleanza Atlantica. Si tratta di una villa moderna non priva di fascino, ubicata ad Uccle, in un'isola di verde alla periferia di Bruxelles.

 

 

NAZIONI UNITE (New York)

Il volume Italy at the United Nations. A legacy of commitment (Rappresentanza Permanente d'Italia presso le Nazioni Unite a New York, 2012, pp. 223) è stato promosso e realizzato da Cesare Ragaglini, in edizione bilingue. Il libro oltre a richiamare gli aspetti qualificanti dell'attività italiana all'ONU, contiene una parte dedicata alla descrizione e alle immagini della Residenza del capo missione e della Rappresentanza Permenente d'Italia presso le Nazioni Unite a New York. In entrambe le strutture sono esposte e valorizzate numerose opere dell'arte italiana.

 

 

Scarica il libro 

Video "The making of the book"

 

OSLO

Gaetano Cortese con La Villa di Inkognitogaten. La Residenza dell'Ambasciata d'Italia a Oslo (Servizi Tipografici Carlo Colombo, Roma, 2013, pp. 460) segue la scia delle sue precedenti pubblicazioni, con la storia delle proprieta’ demaniali dello Stato italiano in Norvegia. lI volume è ricco di fotografie non solo dell'edificio, ma anche degli straordinari ritratti, degli antichi dipinti e delle opere d’arte di gran pregio che si trovano nella Residenza e nei principali palazzi della Capitale norvegese.

Scarica il libro (Parte iniziale versione italiana - PDF) 

Scarica il libro (Parte iniziale versione norvegese - PDF)

Copertina del libro (versione italiana) 

Copertina del libro (versione norvegese) 

 

OTTAWA


Jennifer Dickson, The Italian Embassy in Ottawa, Istituto Italiano di Cultura, Ottawa, 1985, pp.35.
OttawaIl volumetto è stato pubblicato nel 1985 su impulso dell'Amb. Francesco Paolo Fulci. Il testo è in inglese (la prefazione di Maurice Riel è in francese) e descrive la residenza dell'Ambasciatore d'Italia in Canada che è stata acquistata dal Governo italiano nel 1956. La pubblicazione è corredata di numerose fotografie, scattate dall'autore e da Howard Weingarden, che riguardano gli interni della residenza ed il vasto parco che la circonda.
Nel 2012 il volumetto è stato aggiornato in versione ridotta ed è disponibile solo in digitale.


Scarica il volumetto

PARIGI

L’Ambasciata d’Italia a Parigi. Hotel de la Rochefoucauld-Doudeauville
(a cura di E. Gentile Ortona, M. T. Caracciolo, M. Tavella, Skira editore, Milano, 2009, pp. 240). Il volume, edito nella doppia edizione italiana e francese, arricchito dalle fotografie di Patrizia Mussa, non si limita a ripercorrere in modo dettagliato la storia del prestigioso  Hotel de la Rochefoucauld-Doudeauville che ospita l’Ambasciata d’Italia a Parigi dal 1936, ma contiene anche una approfondita analisi di tutti gli aspetti legati allo storico palazzo. Una paziente e meticolosa ricerca ha permesso di valorizzare non solo gli aspetti architettonici, ma anche quelli legati ai quadri, sculture e al mobilio presenti nella residenza.

 

PRAGA

Maurizio Moreno, L’Ambasciata d’Italia a Praga (Istituto italiano di cultura, Praga, 1997, p.77).

Il volume è stato realizzato da Maurizio Moreno, con l'importante contributo di Eleonora Orizio, che ha assicurato il coordinamento dell'opera. Il libro ricostruisce la storia della Sede diplomatica, attraverso le fotografie e i testi stesi da illustri Autori, sia italiani che cechi.
Ricca di reminiscenze l'Ambasciata d'Italia a Praga - articolata in due imponenti edifici Palazzo Thun e Palazzo Slavata - è una Sede prestigiosa, capolavoro dell'Architettura boema.

 

PRINCIPATO DI MONACO

L'Ambasciata d'Italia nel Principato di Monaco, LiberFaber, 2014 .

Il volume, promosso da Antonio Morabito, è suddiviso in tre parti: la prima dedicata ai rapporti diplomatici tra l'ltalia e il principato di Monaco, all'amicizia storica tra la famiglia Grimaldi e l'Italia; la seconda parte riguarda la storia della presenza diplomatica italiana nel Principato e una presentazione dell'attuale sede con la sua nuova collezione di opere d'arte, il rinnovato mobilio e i lavori di allestimento realizzati; la terza parte è dedicata alla presenza italiana sul territorio monegasco.

 

SAN MARINO

Ambasciata San MarinoAmbasciata d’Italia a San Marino da Casa Onofri a Viale Onofri (EDK editore, Repubblica di San Marino, 2008, pp. 92) è il titolo del volume curato da Fabrizio Santurro nel quale viene ripercorsa la storia della Rappresentanza italiana nel piccolo Stato, nelle sue diverse proiezioni di Consolato, Legazione, Ambasciata.

 

 

 

 

SANTA SEDE

Daria Borghese, L'Ambasciata d'Italia presso la Santa Sede a palazzo Borromeo, Umberto Allemandi & C, Torino, 2008, pp. 176.

Palazzo Borromeo, la cinquecentesca residenza papale progettata da Pirro Ligorio per Pio IV (1559-1565) ospita oggi l'Ambasciata d'Italia presso la Santa Sede. Il volume ricostruisce l'affascinante vicenda storica e artistica dell'edificio, dal primo straordinario progetto sino ai giorni nostri con contributi originali corredati da immagini storiche e da illustrazioni inedite dell'edificio e dei suoi interni. Nel 1929 diviene proprietà dello Stato Italiano all'indomani della conclusione dei Patti Lateranensi per essere destinato all'appena costituita Ambasciata presso la Santa Sede.

 

SANTIAGO DEL CILE

Copertina Santiago del CilePaolo Casardi, L’Ambasciata d’Italia a Santiago del Cile (Imprenta italiana, Santiago, 2009, pp.54). Edizione bilingue italiano-spagnolo.

L’Ambasciata d’Italia in Cile è un edificio di portata storica, anchese non così antico, con richiami all’architettura italiana del 1700 di indubbio fascino. La villa principale risale alla metà del XIX secolo e riunisce nel suo stile palladiano le tipiche caratteristiche neoclassiche europee. La proprietà occupa, nel suo complesso, un intero isolato nel comune di Providencia, zona residenziale di antico fulgore a pochi minuti dal centro storico della capitale La Residenza è inserita, quale edificio principale, del quale fa parte anche la Cancelleria diplomatica, al centro di un ampio parco.

Scarica la pubblicazione

 

SOFIA

SOfia copertinaLa pubblicazione L'Ambasciata d'Italia a Sofia (2006, pp. 82) è stata realizzata su impulso dell'Ambasciatore Gian Battista Campagnola. Il complesso demaniale che ospita la Residenza e la Cancelleria dell'Ambasciata d'Italia a Sofia è tra i primi e più rappresentativi che, all'indomani dell'indipendenza della Bulgaria, abbellirono la nuova capitale Sofia. Dal punto di vista architettonico, esso concilia la sobria imponenza che si addice alla sua funzione, con la leggerezza e proporzione delle soluzioni del tardo neoclassico viennese. Nata come residenza del primo Ambasciatore di Austria-Ungheria presso il Principato di Bulgaria con annessa Cancelleria Diplomatica, si deve alle conseguenze della tragedia della Prima Guerra Mondiale ed al crollo della Duplice Monarchia il suo passaggio all'Italia, perfezionato nel febbraio 1925.

Scarica la pubblicazione

 

STOCCOLMA

Angelo Tajani, Oakhill. Residenza di Principi e Ambasciatori, Editori del Sole, Caltanissetta, 2006, pp. 135. Edizione bilingue italiano/svedese.

Oakhill (Il colle delle querce) è il nome di una prestigiosa magione situata all’imboccatura del porto di Stoccolma, nell’isola di Djurgården, un tempo riserva reale di caccia, esempio rappresentativo dell’edilizia dell’inizio del Novecento. Fu costruita dall’architetto Ferdinand Boberg, uno dei più noti dell’epoca, per ospitare il principe reale Vilhelm - figlio di Gustavo V e fratello del Sovrano archeologo Gustavo VI Adolfo - e la diciottenne granduchessa Maria Pavlovna, cugina dell’ultimo zar, Nicola II. Nel 1926 Oakhill fu acquistata dal governo italiano e destinata ad ospitare la rappresentanza diplomatica del Paese nella capitale svedese.

 

TEHERAN

The Italian Embassy in Tehran
(1990, pp. 80) realizzato a cura del Prof. Angelo Maria Piemontese, Addetto Culturale dell'Ambasciata d'Italia in Iran, illustra e documenta la storia degli edifici di proprietà dello Stato italiano: la Cancelleria (denominata Residenza d'inverno) e la Residenza dell'Ambasciatore (denominata Residenza d'estate). Il volume, corredato di numerose foto, è in lingua inglese.

 

I giardini del paradiso - Uno sguardo al giardino di Farmanieh e agli edifici dell'Ambasciata d'Italia a Teheran (2007, pp. 180) realizzato e pubblicato a cura di Houman Sadr, illustra e documenta la storia delle proprietà dello Stato italiano: l'Ambasciata e il giardino di Farmanieh (Residenza dell'Ambasciatore). Il testo, corredato di numerose foto e documenti, è in italiano, inglese e persiano.

 

 

TOKYO
Ambasciata d’Italia a Tokyo
e il suo giardino, Ambasciata d'Italia a Tokyo, 1993, pp. 81.

Questa nuova edizione del libro sull'Ambasciata d'Italia a Tokyo e sul suo giardino, promossa da Paolo Galli, aggiorna quella originariamente pubblicata nel 1977. I testi sono stati attualizzati e la parte fotografica arricchita di nuove illustrazioni.

 

Ambasciata Tokyo

L'Ambasciata d’Italia a Tokyo, Ambasciata d'Italia a Tokyo, 2016, pp. 159. Edizione bilingue.

 

 

VARSAVIA

Luca Daniele Biolato (insieme Tadeusz Jaroszewski), Il Palazzo Szlenkier: Ambasciata d’Italia a Varsavia (bilingue italiano/polacco).

 

 

 

 

 

VIENNA

Gaetano Cortese è autore del volume Il Palazzo Metternich nel bicentenario del Congresso di Vienna (Servizi Tipografici Carlo Colombo, Roma, 2015, pp. 516 - versione in italiano - Das Palais Metternich. 200 jahre nach dem Wiener Kongress - versione in tedesco), sull’ambasciata d’Italia in Austria, una delle sedi diplomatiche italiane di grande prestigio, sia per interesse storico dell’edificio che per ricchezza dell’arredo interno. La pubblicazione contiene anche una intera sezione, ampiamente illustrata, sui protagonisti delle relazioni diplomatiche tra l’Italia e l’Austria negli ultimi duecento anni.

 

 

Scarica il libro (Parte iniziale versione italiana - PDF) 

Scarica il libro (Parte iniziale versione tedesca - PDF) 

Copertina del libro (versione italiana) 

Copertina del libro (versione tedesca) 

Cortese MetternichGaetano Cortese ha inoltre pubblicato, in versione italiana e tedesca, Il Palazzo Metternich nel 170 anniversario della sua costruzione (Stabilimenti Tipografici Carlo Colombo,Roma, 2017, pp.552).

Copertina del libro (versione italiana) 

Copertina del libro (versione tedesca) 

 

 

Ambasciata Vienna

Massimo Spinetti ha curato il libro Il Palazzo d'inverno di Villa Metternich a Vienna. Uno scrigno crisoelefantino (De Luca, Roma, 2007, pp.166). Il Volume è dedicato agli studi per il restauro della sede dell'Ambasciata d'Italia in Austria. Un primo libro sull'Ambasciata era stato pubblicato già nel 1987 e questo volume costituisce un complemento agli studi condotti già in quella occasione.

 

Ambasciata ViennaGirolamo Nisio ha curato il volume L'Ambasciata d'Italia a Vienna (De Luca Editore, Roma, 1987, pp. 140) che illustra una delle sedi diplomatiche italiane di maggior prestigio, sia per l'interesse storico dell'edificio (Palazzo Metternich) che per la ricchezza dell'arredo interno. Si tratta di uno studio dettagliato che permette anche di meglio definire il patrimonio di dipinti, sculture ed altri oggetti d'arte presenti nel Palazzo.

 

 

 

WASHINGTON

cortese washingtonGaetano Cortese ha pubblicato il libro Il Palazzo sul Potomac. L'Ambasciata d'Italia a Washington (Servizi Tipografici Carlo Colombo, Roma, 2011, pp. 460) corredato da numerosefotografie che si apre con un messaggio del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.Nel ripercorrere la storia della costruzione dell'attuale Ambasciata, l'autore illustra l'originale struttura e gli arredamenti che caratterizzano la costruzione. Una sezione della pubblicazione è anche dedicata a "Villa Firenze", prestigiosa residenza dell'Ambasciatore d'Italia negli Stati Uniti. Il libro, in una versione aggiornata ed ulteriormente arricchita è stato pubblicato anche in inglese con il titolo Il Palazzo sul Potomac. The Embassy of Italy Washington (Servizi Tipografici Carlo Colombo, Roma, 2012 pp. 498).

Scarica il libro (Parte iniziale versione italiana)

Scarica il libro (Parte iniziale versione inglese)

Copertina del libro (versione italiana)

La II edizione della versione inglese Il Palazzo sul Potomac. The Embassy of Italy Washington (Servizi Tipografici Carlo Colombo, Roma, 2014 pp. 602) è stata aggiornata e arricchita di alcune importanti sezioni fotografiche relative alle visite negli Stati Uniti dei Presidenti della Repubblica italiani e delle visite dei Presidenti degli Stati Uniti in Italia. La nuova edizione rientra fra le iniziative dell’”Anno della cultura italiana negli Stati Uniti” celebrato nel 2013.

Scarica il libro (Parte iniziale versione inglese)

Copertine del libro

The Italian Legacy in Washington D.C. Architecture, Design, Art and Culture (Skira, 2007, pp. 184) a cura di Luca Molinari e Andrea Canepari passa in rassegna ed illustra numerosi significativi esempi di influenza della cultura architettonica italiana a Washington. Alcuni dei capitoli del volume sono dedicati all'Ambasciata d'Italia, inaugurata nel 1998, e a "Villa Firenze", la Residenza dell'Ambasciatore d'Italia a Washington, costruita nel 1927. Il volume, corredato di numerose foto, è in lingua inglese.

 

 

 

LIBRI SU SEDI DIVERSE

ARGENTINA

Le sedi consolari italiane in Argentina/Los consulados de Italia en Argentina, Buenos Aires, 2008, pp. 127

Pubblicazione promossa da Stefano Ronca e realizzata con la collaborazione dei consoli in Argentina, con l'intento di presentare in maniera agile ed efficace, attraverso immagini e notizie sintetiche, i Consolati d'Italia in Argentina. Edizione bilingue italiano/spagnolo.

***

SERIE "LE AMBASCIATE D'ITALIA NEL MONDO"

(di Maria Pia Fanfani)

Sempre a proposito di edifici legati all'attività diplomatica, la raccolta più completa e' sicuramente la collana di otto volumi pubblicati tra il 1969 ed il 1989 da Mariapia Fanfani dal titolo "Le Ambasciate d'Italia nel Mondo". Sono 113 le sedi diplomatiche che sono state documentate (così come i relativi Paesi in cui si trovano) negli otto volumi.

Questa è la genesi dell'opera, così come viene descritta da Leonardo Vergani nel VII volume: "Mariapia Fanfani iniziò negli Anni Sessanta i suoi reportages fotografici. Approdò, come tutti i giornalisti che si trovano in paesi stranieri, dilaniati dalla guerra e dalle calamità naturali, nelle sedi delle nostra Ambasciate, là dove il personale diplomatico si trova costantemente in prima linea. Fu allora che pensò di dedicare questi volumi - oramai sono sette - alle Ambasciate, a quelle case d'Italia che rappresentano non soltanto la voce del nostro paese all'estero, ma che sono punto di incontro, di meditazione, di pronto intervento. Sono le nostre Ambasciate che lavorano, in condizioni estremamente difficili, per fa continuare il discorso della pace, per salvare i  nostri connazionali che spesso nei conflitti del Terzo Mondo rischiano, innocenti, la morte. Sono le nostre Ambasciate che, con sempre maggior frequenza, riescono a far proseguire un dialogo in un mondo sconvolto dal terrorismo più spietato e cieco, evitando che il filo, il sottilissimo filo della speranza si spezzi. E sono le nostre Ambasciate che nella tragedia del nostro vivere quotidiano diventano punti di riferimento insostituibili."

 

Volume I (Sagdoc, Milano, 1969): Bulgaria - Cecoslovacchia - Santa Sede - Francia - Giappone - India - Inghilterra - Iran - Irlanda - Polonia - Portogallo - Spagna - Thailandia - Russia

Volume II (Unedi, Milano 1975): - Austria - Belgio - Rappresentanza Permanente d'Italia presso la Comunità economica europea (Bruxelles) - Danimarca - Finalndia - Grecia - Lussembrugo - Norvegia - Paesi Bassi - Repubblica Federale di Germania - Romania - Svezia - Svizzera - Rappresentanza Permanente d'Italia presso il Centro Europeo delle Nazioni Unite (Ginevra) - Ghana - Australia

Volume III (Silvana editoriale, Milano, 1975): Algeria - Canada - Cina - Egitto - Israele - Jugoslavia - Libia - Marocco - Messico - Nuova Zelanda - Stati Uniti d'America - Rappresentanza Permanente d'Italia presso le Nazioni Unite (New York) - Sudan - Tunisia - Ungheria

Volume IV (Mario Ponzio S.p.A., Pavia, 1984): Argentina - Brasile - Consiglio d'Europa (Strasburgo) - Costarica - El Salvador - Etiopia - Guatemala - Indonesia - Malaysia - Malta - N.A.T.O. (Bruxelles) - Pakistan - Panama - Repubblica Democratica Tedesca - Singapore - Sri Lanka - Turchia - Yemen

Volume V (Alberto Marini, Treviso, 1985): Bangladesh - Birmania - Bolivia - Cile - Cipro - Colombia - Corea - Ecuador - Filippine - Haiti - Nepal - Paraguay - Perù - Repubblica Dominicana - San Marino - Uruguay - Venezuela - Vietnam

Volume VI (Alberto Marini, Treviso, 1987): Arabia Saudita - Cuba - Giordania - Hoduras - Iraq - Kenya - Kuwait - Liberia - Nicaragua - Rappresentanza Permanente presso l'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (Parigi) - Oman - Sierra Leone - Siria - Somalia - Tanzania

Volume VII (Alberto Marini, Treviso, 1988): Camerun - Costa d'Avorio - Emirati Arabi Uniti - Rappresentanza Permanente presso l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Roma) - Guinea - Madagascar - Mozambico - Nigeria - Uganda - Yemen Meridionale - Zimbabwe

Volume VIII (Alberto Marini, Treviso, 1989): Albania - Angola - Congo - Gabon - Libano - Senegal - Sud Africa - Rappresentanza diplomatica permanente d'Italia presso l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura (Parigi) - Zaire - Zambia

 

***

Il MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI

Ugo Colombo Sacco è l'autore del volume Dove la diplomazia incontra l'arte (Colombo, 2006, pp. 326 ) in cui ripercorre le vicende dei Palazzi che hanno ospitato il Ministero degli Affari Esteri dall'Unità d'IItalia ad oggi: il Palazzo delle Segreterie a Torino; il Palazzo Vecchio a Firenze; i Palazzi della Consulta, Chigi, della Farnesina, nonchè Villa Madama a Roma. Il libro è corredato di numerose illustrazioni e fotografie.

Scarica la brochure del libro (in italiano)

Scarica la brochure del libro (in inglese)

Al Circolo del Ministero degli Affari Esteri è dedicato un libro curato da Ugo Colombo Sacco in occasione del 70° 
anniversario della fondazione (Gangemi, 2008, pp. 288). Il volume sottolinea il progressivo ruolo “istituzionale” acquisito dal Circolo in aggiunta alle tradizionali funzioni ricreative e sportive.

 

 

 


Take a virtual tour of the Books (Optimized for Google Chrome)


 

Books written by Diplomats - Baldi's Publications - Baldi's homepage

last update 17 April 2017 - © Stefano Baldi

When you use data and information from this site, you are kindly requested to mention the source