titlesite.gif (1095 byte)


La penna del diplomatico

Home - Books on Italian diplomats

  Author Romano Sergio
  Title Con gli occhi dell'Islam. Mezzo secolo di storia in una prospettiva mediorientale
  Year 2007
  Publisher Longanesi
  Place Milano
  Pages 248
     
  Il Medio Oriente, afferma Sergio Romano, «non è ancora riuscito a creare la propria versione dello Stato moderno». Tutto ciò non vuol dire che le società musulmane siano naturalmente allergiche alla democrazia. Anche quella europea è il risultato di una lunga gestazione. Ma la libertà nasce quando è necessaria agli obiettivi di un ceto emergente. Ogni strada verso di essa è un unicum. Ma esistono alcune caratteristiche comuni. La prima è la presenza nella regione di un corpo estraneo, lo Stato d’Israele, che ha contribuito alla nascita di un nazionalismo arabo-musulmano frustrato e aggressivo. Tra i molti fallimenti mediorientali il caso più istruttivo è quello dell’Iraq, dove Saddam tentò di creare, grazie alla macchina amministrativa del partito Baath, l’elemento indispensabile per qualsiasi democrazia: il cittadino. Il suo progetto è fallito, ma chiunque voglia contribuire alla nascita della democrazia in Iraq e negli altri paesi della regione dovrà passare di lì. Finché non esisterà il cittadino le elezioni saranno soltanto plebisciti o censimenti.
Il miglior contributo che l’Occidente può dare a un così lungo processo di trasformazione è stare alla finestra. Gli interventi militari sono tutti destinati a essere percepiti come forme di neocolonialismo. Certamente l’Islam non può essere la soluzione di tutti i problemi, ma le «lezioni» occidentali avranno solo l’effetto di regalare nuovi adepti al nazionalismo più radicale. Tuttavia l’Europa e gli Stati Uniti hanno responsabilità a cui non possono sottrarsi. La maggiore di esse è ancora, sessant’anni dopo la costituzione dello Stato d’Israele, la questione palestinese (dalla scheda dell'editore).
last update 19 November, 2007  

Baldi's Publications - Books for diplomats - Baldi's homepage

© Stefano Baldi

When you use data and information from this site, you are kindly requested to mention the source